[:it]Orthovisc®[:]

[:it]

ORTHOVISC per l’artrosi

Riduzione del dolore ed aumento della mobilità dopo solo tre infiltrazioni

Uno studio sull’efficacia dello Ialuronato di Sodio nel trattamento dell’artrosi del ginocchio con ORTHOVISC, ha dimostrato un alto grado di efficacia nell’articolazione trattata dopo tre infiltrazioni intra-articolari. Il dolore dell’articolazione diminuisce sensibilmente e la mobilità (tempo impiegato a percorrere 15 metri) migliora (Figura1).10 I benefici della visco-supplementazione ottenuti con ORTHOVISC in pazienti con moderata artrosi del ginocchio sono stati misurati per un periodo di 27 settimane. Il profilo di sicurezza di ORTHOVISC è stato simile a quello osservato con un placebo, il che permette di attribuire le reazioni avverse all’iniezione e non al materiale iniettato

Figure 1. Therapeutic effect after three injections per treatment cycle with ORTHOVISC10.

Alto peso molecolare, alta viscosità per una visco-supplementazione ottimale

Il liquido contenuto in una articolazione sana contiene una grande concentrazione di Ialuronato ad alto peso molecolare. ORTHOVISC, costituito da uno Ialuronato ad alto peso molecolare e con una concentrazione elevata, fornisce una viscosità superiore ed una capacità di attutire gli urti, utile per la protezione dell’articolazione.

Purezza eccezionale e un elevatissimo profilo di sicurezza

L’eccezionale purezza di ORTHOVISC riduce al minimo i rischi di reazioni infiammatorie. In effetti, non sono mai state riscontrate reazioni pseudo-settiche con l’utilizzo di ORTHOVISC11. ORTHOVISC è ricavato da uno Ialuronato ultra purificato, non di origine animale, approvato dalla FDA. La visco-supplementazione con l’acido ialuronico è stata testata come terapia sicura e mirata per l’artrosi con minimi effetti collaterali. I FANS e gli analgesici possono esporre i pazienti ai rischi di reazioni collaterali sistemiche, e potrebbero essere anche responsabili di un progres-sivo danneggiamento dell’articolazione dovuto alla loro azione mirata sulla riduzione del dolore senza una protezione visco-elestica.

il nuovo riferimento per la visco-supplementazione

Efficace

Riduce il dolore articolare10

Migliora la mobilità del paziente10

Risultati dopo sole tre infiltrazioni per ciclo di trattamento10

Efficacia di lunga durata10

Approvato per tutte le articolazioni

 

Processi di produzione esclusivi permettono di ottenere:

 

Un‘elevata concentrazione di Ialuronato, pari a 15mg/mL

Un ottimale peso molecolare, in media 2.0 x106 daltons

Un‘alta viscosità cinematica per aumentare l’elasticità del liquido sinoviale

Uno ialuronato più puro (<0,001 %)

Sicuro

Elevato grado di purezza

Nessuna reazione pseudo-settica in oltre un milione di infiltrazioni nel mondo11

Un processo di produzione che elimina i rischi di reazioni allergiche.

 

L’artrosi e il concetto della visco-supplementazione

Maggiore conoscenza, maggior movimento Le seguenti pagine sintetizzano importanti informazioni riguardanti le cause, le modalità e le possibilità di trattamento dell’artrosi. La visco-supplementazione con acido ialuronico è stata riconosciuta come un’opzione terapeutica efficace con ridotti effetti collaterali. È inoltre inclusa un’introduzione sulle modalità di azione di questo trattamento particolarmente efficace, capace di alleviare disagi articolari e di rallentare il progredire della malattia.

L’artrosi è una malattia pluri-sintomatica dell’articolazione caratterizzata dalla degenerazione della cartilagine. I livelli di diffusione ed incidenza sono fortemente correlati all’età, sesso ed ai livelli di Ialuronato presenti nel siero. A causa dell’incremento dell’età media della popolazione nei paesi dell’Europa occidentale e negli USA, il numero di casi di artrosi aumenterà significativamente.L’artrosi normalmente riduce la qualità della vita del paziente. In aggiunta a terapie analgesiche, il focus è stato posto su modalità di trattamento che preservino le funzionalità dell’articolazione. Le scelte prese nella selezione delle terapie devono considerare sia il beneficio potenziale che i possibili rischi insiti in ogni terapia.

Cause e caratteristiche dell’artrosi

Le cause dell’artrosi possono essere di tipo meccanico, traumatico, metabolico, post-infiammato-rio, genetico o legato all’età (tabella 1).

Tabella 1: cause e siti dell’artrosi

 

Forme di artrosi e terapie

La forma più frequente di artrosi, che si manifesta nella maggior parte dei casi in donne in menopausa, è la poliartrosi delle dita seguita dall’artrosi del ginocchio e dell’anca. Si stima che approssimativamente il 5% della popolazione mondiale soffra di artrosi del ginocchio. Il 30% delle persone di età superore ai 50 anni e l’80% di età superiore ai 75 anni sviluppano questa malattia degenerativa delle articolazioni. La ridotta mobilità come risultato di questa patologia può portare ad una disabilità considerevole ed a un peggioramento della qualità della vita del paziente. Il trattamento per l’artrosi è multimodale e finalizzato principalmente ad alleviare i sintomi (Tabella 2). Quando si seleziona la terapia, è necessario tenere in considerazione i potenziali effetti collaterali indesiderabili, in particolare quando vengono utilizzati FANS e analgesici. Interventi chirurgici sono considerati come l’ultima risorsa e sono limitati dai potenziali rischi della chirurgia. La visco-supplementazione con acido ialuronico fornisce una terapia naturale ed efficace, raccomandata dalle associazioni dei medici per trattare l’artrosi del ginocchio2.

Tabella 2: terapie per l’artrosi

 

Funzione dell’acido ialuronico nella cartilagine La cartilagine ialina è costituita di condrociti integrati in una matrice extracellulare (Figura 2 e 3). Questa matrice è composta da una rete fibrosa contenente collagene di Tipo II, proteoglicani e glucosamina-glicani presenti tra le fibre stesse. I glucosamina-glicani sono costituiti da ialuronati (acido ialuronico), chondroitin sulfati e keratane sulfati. Questi ialuronati sono costituiti da unità molecolari di N-acetilglucosamina e molecole di glucoronato di sodio in catene polisaccaridiche e possono avere dei pesi molecolari fino a 1.0 x 107 daltons dopo la polimerizzazione.3 Sono principalmente responsabili dell’elasticità e della capacità di assorbire l’energia, nella quale sono rilasciati sia negli interstizi delle fibre collagene che nell’articolazione stessa e nella sua capsula. L’alta viscosità e quindi l’elasticità degli ialuronati è principalmente dovuta alla sua caratteristica polisaccaridica. Il liquido sinoviale sano contiene alte concentrazioni di ialuronati (2.5-4.0 mg/mL).

Grazie alla capacità di trattenere acqua, gli ialuronati possono smorzare numerose sollecitazioni fisiche che agiscono sull’articolazione. In presenza di ridotta sollecitazione sull’articolazione, la molecola idrofilica mostra un’alta viscosità ed una bassa elasticità dovute al legame con l’acqua. Tuttavia, se un’elevata pressione agisce sull’articolazione, la molecola – principalmente a causa dell’assorbimento dell’acqua – ha un effetto estremamente elastico. Ad esempio la stessa molecola può esplicare una funzione lubrificante sotto basse forze o agire come ammortizzatore sotto elevate sollecitazioni. Nel liquido sinoviale queste funzioni sono svolte esclusivamente dagli ialuronati. I proteoglicani aggreganti specifici della cartilagine sono anche responsabili per la struttura della matrice cartilaginea. Una inibizione degli aggreganti, per esempio dalla aggrecanasi, causa erosione e perdita della cartilagine. L’artrosi causa la perdita delle proprietà fisico-chimiche dei proteoglicani e degli ialuronati. A causa dell’influenza della sintetasi facilitata dalle citochine, si produce una riduzione del peso molecolare degli ialuronati fino a diventare inferiore a 0.5x 106 daltons; diminuizione della concentrazione degli ialuronati e così anche la loro elasticità e viscosità4. Il risultato è l’interruzione della funzione di supporto e di nutrimento della matrice cartilaginea. Infine, lo scompiglio nell’equilibrio della matrice può portare ad un danneggiamento degli strati più profondi dei condrociti fino all’osso stesso (Figura 4).

 

La visco-supplementazione come terapia per il trattamento dell’artrosi.

La visco-supplementazione ha dimostrato di essere una terapia efficace nei casi di cambiamenti artrosici degenerativi nelle articolazioni8,9,10. Il principio della visco-supplementazione si basa sull’utilizzo di infiltrazioni intra-articolari di ialuronati. Il beneficio principale ed immediato della visco-supplementazione con ialuronati è il ripristino del liquido sinoviale. Lo scopo è quello di migliorare la viscoelasticità del liquido sinoviale, consentendogli di funzionare come lubrificante viscoso o come materiale elastico al variare delle condizioni di carico e degli stress meccanici. L’infiltrazione intra-articolare di ialuronati riduce il dolore e migliora la mobilità dell’articolazione trattata. La viscoelasticità del liquido sinoviale è determinata sia dalla concentrazione che dal peso molecolare dei componenti dello ialuronato8. I preparati a base di acido ialuronico disponibili, variano in concentrazione, in peso molecolare e viscosità (Tabella 3).

 

In alcuni studi si è dimostrato l’aumento di efficacia, l’effetto analgesico e la soddisfazione del paziente con preparati ad alto peso molecolare 5,6,7. Dopo solo tre infiltrazioni, un preparato con un più alto peso molecolare può alleviare dal dolore per un periodo di oltre sei mesi9,10. Le terapie a base di ialuronati con basso peso molecolare possono richiedere un protocollo di trattamento di cinque infiltrazioni nell’articolazione da trattare 13, aumentando così anche il rischio d’infezione dell’articolazione trattata. Le terapie con un peso molecolare più elevato prevedono un numero inferiore di infiltrazioni e quindi un minor rischio di contrarre un’infezione. In aggiunta agli effetti meccanici della visco-supplementazione, potrebbero essere presenti anche effetti terapeutici biologici. Sulla base di studi sperimentali, ci sono delle indicazioni secondo cui gli ialuronati somministrati per via intra-articolare possono avere un effetto positivo sulla matrice cartilaginea danneggiata 3,5,6.

 

 

Bibliografia

1 Belo JN, Berger MY, Bierma-Zeinstra SM, Reijman M, Koes BW. Prognostic factors of progression of osteoarthritis of the knee: a systematic review of observational studies. Arthritis Rheum 2007;57(1):13-26.

2 European League Against Rheumatism (EULAR). Recommendations 2003: an evidence-based approach to the management of knee osteoarthritis. Ann Rheum Dis 2003;62:1145-55.

3 Fraser JR, Laurent TC, Laurent UB. Hyaluronan: its nature, distribution, functions and turnover. J Intern Med 1997;242(1):27-33.

4 Schmidt TA, Gastelum NS, Nguyen QT, Schumacher BL, Sah RL. Boundary lubrication of articular cartilage: role of synovial fluid constituents. Arthritis Rheum 2007;56(3):882-91.

5 Santangelo KS, Johnson AL, Ruppert AS, Bertone AL. Effects of hyaluronan treatment on lipopolysaccharide-challenged fibroblast-like synovial cells. Arthritis Res Ther 2007;9(1):R1.

6 Ottaviani RA, Wooley P, Song Z, Markel DC. Inflammatory and immunological responses to hyaluronan preparations. J Bone Joint Surg Am 2007; 89(1):148-57.

7 Gomis A, Pawlak M, Balazs EA, Schmidt RF, Belmonte C. Effects of different molecular weight elastoviscous hyaluronan solutions on articular nociceptive afferents. Arthritis Rheum 2004;50(1):314-26.

8 Brandt KD, Smith GN, Simon LS. Intra-articular injection of hyaluronan as treatment for knee osteoarthritis. Arthritis Rheum 2000;43:1192-1203.

9 Neustadt D, Caldwell J, Bell M, Wade J, Gimbel J. Clinical effects of intra-articular injection of high molecular weight hyaluronan (ORTHOVISC) in osteoarthritis of the knee: a randomized, controlled, multicenter trial. J Rheumatol 2005;32(10):1928-36.

10 Brandt KD, Block JA, Michalski JP, Moreland LW, Caldwell JR, Lavin PT. Efficacy and safety of intra-articular sodium hyaluronate in knee osteoarthritis. ORTHOVISC Study Group. Clin Orthop Relat Res 2001;(385):130 – 43.

11 MAUDE Database search, April 2008.

12 Sadozai KK. Evaluation of the characteristics of sodium hyaluronate products used for treatment of osteoarthritis. 2006. Data on file at Anika Therapeutics, Inc.

13 Hyalgan Instructions for Use, Ostenil Instructions for Use.

 

Button

 [:]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *